Campionato Italiano Moto d’Acqua 2019: ad Anzio (RM) disputate tutte le gare delle categorie Ski, Runabout, Freestyle, Endurance e Giovanili.

image_pdfimage_print

Si è appena conclusa presso sul litorale laziale di Anzio la penultima tappa del Campionato Italiano Moto d’Acqua, denominata “Gran Prix Anzio Aquabike ” e valida per le categorie del circuito classico (Ski, Runabout e Freestyle), dell’Endurance (categoria Unica) e del Campionato Giovanile moto d’acqua Spark (classe 12-14 anni e classe 15-18 anni).

La classe Ski F1 ha visto la netta affermazione di Daniele Piscaglia; il cesenate di San Mauro Pascoli portacolori dell’H2O Racing Team ha regolato rispettivamente il torinese laeder di classifica Ugo Guidi (ASD Lago Aquabike) e suo figlio Andrea (che corre per l’ASD Jet Revolution).

Una vittoria molto importante quella di Piscaglia, che lo proietta al secondo posto del ranking provvisorio.

Fabrizio Calzi, triestino del Club del Gommone TS, ha invece dominato la gara della Ski F2, regolando Andrea Guidi (il leader della classifica provvisoria) e Matteo Benini (il giovane forlivese dell’H2O Racing Team), rispettivamente 2° e 3° classificati.

Da segnalare, l’incidente occorso ieri nella 1^ manche della Ski F2, al pilota Casarola Giuseppe; il pilota di Codogno dell’H2O Racing Team, prontamente soccorso, è stato trasportato in ospedale dove gli è stata riscontrata una frattura scomposta alla testa del femore.

Nelle classi Runabout, bel successo di Mattia Fracasso; il vicentino del Circolo Nautico Marina 4 ha dominato la tappa laziale della Runabout F1 imponendosi rispettivamente su Giuseppe Greco, bolognese del Jet Motor Sport e su Pierpaolo Terreo, veneto del Radical Riders.

Nella classe Runabout F1 Veterans, vittoria di Sabato Pontecorvo (Fly Motor Show) che si è imposto su Richard Ingarra (che gareggia anche lui per la Fly Motor Show) e su Stefano De Crescenzo (Motonautica Partenopea Dilettantistica).

Nella Runabout F2 ad aggiudicarsi la gara è stato invece Fabrizio Pepe, bolognese di Bentivoglio e portacolori del Jet Motor Sport; secondo posto per Sabato Pontecorvo, mentre ha chiuso terzo classificato il napoletano Gaetano Costagliola (1.5 Racing ASD).

Lotta accesissima nella Runabout F4, dove la vittoria è andata a Paolo Paesani grazie all’ottima prestazione in gara1. Il riminese del jet Revolution ha dovuto però faticare parecchio, avendo chiuso a pari punti con l’agguerrito pilota romano del Jet Revolution Roberto Mariani, 2° classificato di giornata. Alle loro spalle 3° arrivato, Marcontonio Oliveri, il siciliano dell’Ass. Sportiva Speedwave; 4° posto (a pari punti con Oliveri) per il catanese Gianluca Biagianti .

Nella Runabout F4 Spark Femminile, a salire sul gradino più alto del podio è stata Sonia Carrara la bergamasca di Albino, che gareggia per il Jet Fly Aquabike; a salire sul secondo gradino del podio è stata Gaia Costacurta, la giovane veneta del Circolo Nautico Marina 4; 3^ classificata Cristina Malucelli (H2O Racing Team).

Nel Campionato Italiano Freestyle, Roberto Mariani, il romano del Jet Revolution, continua a macinare punti, salendo sul primo gradino del podio in entrambe le manches; secondo posto per il romano della Motonautica Partenopea, Massimiliano Pomponi; terzo classificato il pescarese Gianluca Delli Rocioli (Jet Revolution).

Nell’Endurance cat. Unica, prima vittoria per Luca Vecchiori (Yacht Club Como MILA – CVC), che ha lasciato i gradini più bassi del podio a Michele Cadei (bergamasco del Jet-Fly Aquabike) e al leader di classifica provvisoria Antonio Tadiello (Circolo Nautico Marina 4), rispettivamente 2° e 3° classificati. Una gara faticosa per Tadiello che oggi ha corso in condizioni fisiche non ottimali, poiché ieri, nel corso della 1^ manche, un’improvvisa girata della moto lo aveva letteralmente catapultato in acqua. Prontamente soccorso era stato portato subito in ospedale per accertamenti.

Ad Anzio, si è disputata anche la gara dei giovani piloti della Spark Giovanile; a imporsi nella classe 12-14 anni è stato il vicentino Alessandro Fracasso (Circolo Nautico Marina 4), seguito sul podio dal sardo Daniele Brioschi (Jet Motor Sport) e dalla romana Carolina Vernata (Jet Revolution), rispettivamente 2° e 3° classificati.

Nella Spark 15-18 anni, vittoria di Gaia Costacourta, la veneziana portacolori del C.N. Marina 4 che ha regolato rispettivamente Manuel Rosario Sciuto (Ass. Speedwave) e Davide Pontecorvo (Jet Revolution).

La prossima e decisiva tappa del Campionato italiano Moto d’Acqua sarà quella casertana di Varca d’Oro – Giuliano in Campania, dal 21 al 22 settembre.



X